IN 30 SECONDI

Studi epidemiologici condotti in Germania hanno evidenziato costanti associazioni tra dermatite atopica e disturbo ADHD: i bambini con dermatite atopica hanno un rischio maggiore del 43% di mostrare i sintomi dell’ADHD.

La dermatite atopica (AD) e il disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD) sono condizioni pediatriche frequenti con elevata rilevanza medica. Una possibile relazione tra malattie atopiche (cioè AD, asma e rinite allergica) è stata a lungo discussa, ma mancano ancora prove convincenti.

Abbiamo studiato la relazione tra AD e ADHD in due studi trasversali e in due studi su campioni di popolazione selezionati per età, considerando fattori di stile di vita, fattori ambientali e comorbidità atopiche come potenziali confondenti. Per quantificare la forza dell’associazione tra AD e ADHD, i dati dei quattro studi epidemiologici sono stati riassunti mediante una meta-analisi. Gli odds ratio (OR) sono stati raggruppati per l’associazione tra AD prevalente o precedente e ADHD prevalente dai quattro studi aggiustati per età, sesso e comorbidità atopica (rinite allergica, asma).

Gli studi epidemiologici condotti indicano costantemente un’associazione tra AD e ADHD che è indipendente dalle esposizioni ambientali e da altre comorbidità. In particolare l’AD infantile sembra essere associato allo sviluppo successivo dei sintomi dell’ADHD. Si suggerisce che i problemi del sonno dovuti all’AD giochino un ruolo importante per l’associazione osservata tra AD e ADHD. L’OR aggregato (intervallo di confidenza al 95% (IC al 95%) per l’associazione tra AD e ADHD era 1,43 (1,25-1,64).

Quattro nuovi studi epidemiologici indicano costantemente un’associazione positiva tra AD e ADHD. Rispetto ai bambini senza AD, i bambini con AD precedente o prevalente hanno un rischio maggiore di circa il 43% di essere diagnosticati con ADHD o di mostrare sintomi clinici di ADHD. A seguito dei nostri risultati, i meccanismi biologici alla base della comorbidità osservata tra AD e ADHD richiedono ulteriori indagini al fine di sviluppare successivamente strategie terapeutiche e preventive mirate.

Clicca qui se vuoi leggere lo Studio completo.

PROTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Pin It on Pinterest

Skip to content

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi