IN 30 SECONDI

I siti web accessibili soddisfano ogni tipo di utente (compresi gli spider dei motori di ricerca) e offrono una migliore esperienza complessiva. I vantaggi di un approccio accessibile sono enormi e, per la maggior parte degli sviluppatori, questo approccio è realizzabile anzitutto assumendo una corretta posizione rispetto alla facilitazione che tutti gli utenti possono ottenere.

BIBLIOGRAFIE IN 3 SECONDI

Atto europeo sull’accessibilità

(2019) La direttiva 2019/882/UE sui requisiti di accessibilità previsti per i prodotti e i servizi offerti dagli stati membri.

Direttiva UE sull’accessibilità dei siti web

(2016) Ha introdotto nuove regole in materia di accessibilità dei siti web e disciplina le loro applicazioni nei siti web degli enti pubblici.

 

Considerare l’ottimizzazione per i motori di ricerca è una parte importante del lavoro di qualsiasi agenzia di comunicazione; se si desidera un traffico costante, occorre seguire pratiche SEO appropriate. Negli scorsi anni, ciò significava caricare le pagine con parole chiave pertinenti e sperare per il meglio. Sfortunatamente per alcuni “esperti” di SEO (e fortunatamente per quasi tutti gli altri), non è più così.

Ora costruire un sito web con una buona ottimizzazione SEO significa costruire un sito web funzionale ed efficiente, con molti contenuti di elevata qualità. Sappiamo bene che Google e altri motori di ricerca utilizzano algoritmi complessi e, per questi algoritmi, l’accessibilità è un fattore di ranking fondamentale.

Ecco come un team di istruttori di Google WebFundamentals ha definito l’accessibilità:

In generale, quando diciamo che un sito è accessibile, intendiamo che il contenuto del sito è disponibile e la sua funzionalità può essere utilizzata letteralmente da chiunque. In qualità di sviluppatori, è facile presumere che tutti gli utenti possano vedere e utilizzare una tastiera, un mouse o uno schermo tattile e possano interagire con il contenuto della tua pagina nello stesso modo in cui lo fa ognuno di noi. In realtà, questa convinzione può portare a un’esperienza che funziona bene per alcune persone ma non per tutti, creando problemi che vanno da semplici fastidi a ostacoli reali.

L’accessibilità non è un ripiego né ha lo scopo di migliorare l’esperienza di navigazione per un piccolo gruppo di utenti. Se implementata correttamente, garantisce che la maggior parte degli utenti possa interagire con un sito web in vari modi, senza sentirsi frustrata o esclusa.

Per gli sviluppatori web, c’è un vantaggio immediato e tangibile: l’accessibilità renderà un sito web più facile da leggere e interpretare per i motori di ricerca. Dopotutto, gli spider dei motori di ricerca, i robot che strisciano attraverso una pagina e analizzano il contenuto, non sono utenti tipici. Hanno difficoltà a “vedere” il testo sulle immagini, sono facilmente confusi da layout complicati e si aspettano un design coerente della pagina. L’ottimizzazione di un sito per la ricerca spesso comporta miglioramenti all’accessibilità e viceversa.

 

Perché una migliore accessibilità significa una migliore SEO

Quando un sito è progettato correttamente, i motori di ricerca non perdono il contenuto e nemmeno gli utenti umani. L’adozione delle migliori pratiche per l’accessibilità può quindi migliorare notevolmente il posizionamento e molte di queste pratiche sono relativamente semplici da implementare. 

Prendiamo in considerazione, ad esempio, i fattori di ranking.

 

Testo alternativo immagine

Il testo alternativo fornisce una descrizione testuale delle immagini, una pratica semplice che porta le informazioni sull’immagine a essere disponibili a tutti gli utenti e ai motori di ricerca.

Le alternative testuali sono una pietra angolare dell’accessibilità, ma molti proprietari di siti non riescono a implementarle correttamente. Fornire un testo alternativo per ogni immagine significativa consentirà ai motori di ricerca di interpretare le informazioni in modo accurato fornendo un sito utilizzabile per le persone che utilizzano lettori di schermo o display Braille aggiornabili.

 

Evitare le immagini che sostituiscono il testo

I webmaster dovrebbero sempre evitare di utilizzare immagini come testi quando è possibile. Le Linee guida per l’accessibilità dei contenuti Web (WCAG) scoraggiano la trasmissione di informazioni tramite immagini di testo a meno che l’immagine non possa essere visivamente personalizzata in base alle esigenze dell’utente e l’utilizzo di un’immagine sia “essenziale per le informazioni trasmesse”.

Nella maggior parte dei siti l’aggiunta di testo integrerà il contenuto della pagina e aiuterà i motori di ricerca a cogliere frasi importanti, mentre gli utenti godranno di una pagina più accessibile.

Sottotitoli e trascrizioni per i video

Allo stesso modo, alcuni utenti non possono vedere i video o ascoltare facilmente i contenuti audio (o semplicemente preferiscono accedere al contenuto in un altro modo). I sottotitoli rendono un sito più fruibile per le persone con problemi di vista, udito e cognitivi, per tutti in momenti diversi.

Se vogliamo andare più a fondo, dobbiamo considerare la trascrizione dei video. L’inserimento automatico dei sottotitoli è ormai abbastanza diffuso ma i motori di ricerca non sono agili nell’interpretare la lingua nei video. Gli strumenti di intelligenza artificiale richiedono una grande potenza di elaborazione e i robot di ricerca preferiscono lavorare rapidamente, analizzando il testo fisso. Per questo la trascrizione di un video aggiunge una grande quantità di contenuti a una pagina e renderà quel contenuto leggibile per i motori di ricerca.

 

Organizzazione dei contenuti

La WCAG incoraggia a facilitare la navigazione all’interno dei siti, utilizzando istruzioni chiare e un’organizzazione coerente delle pagine. Questo aiuta tutti, non solo le persone con disabilità, ad utilizzare il sito in modo naturale.

L’aggiunta di intestazioni, pulsanti evidenti e altri elementi di navigazione invierà anche segnali importanti ai motori di ricerca, consentendo loro di determinare ciò che è importante in una pagina: i robot dei motori di ricerca sanno che una pagina chiara, con un numero limitato di elementi, normalmente fornirà un’esperienza migliore a tutti coloro che vi accedono.

Contenuto semantico

Gli algoritmi dei motori di ricerca non si limitano a considerare le parole chiave ma guardano al contesto: questo è uno dei motivi per cui l’uso di un linguaggio semplice e naturale possa individuare quella pagina come una risorsa preziosa. Di conseguenza, molti utenti troveranno il sito più funzionale, dato che non avranno bisogno di rileggere testi confusi o cercare definizioni per utilizzare il sito.

Clicca qui per leggere l’articolo “Perché inserire un testo alternativo alle nostre immagini sui Social”

ARGOMENTI COLLEGATI

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Pin It on Pinterest

Skip to content

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi